Sempre più cibi regionali nella spesa degli italiani

Tags

Nei 12 mesi rilevati dalla nuova edizione dell’Osservatorio Immagino di GS1 Italy sono aumentate del 3,2% le vendite dei quasi 10 mila prodotti alimentari che indicano la regione di provenienza in etichetta.

Nel complesso, tra supermercati e ipermercati in tutta Italia, il loro sell-out ha superato i 2,7 miliardi di euro, contribuendo per l’8,3% al giro d’affari globale del paniere alimentare rilevato da questo studio, giunto all’undicesima edizione.

Nel “campionato” interregionale italiano del food, a salire sul podio sono Trentino-Alto Adige, Sicilia e Piemonte: sono queste, infatti, le tre regioni che registrano il maggior giro d’affari con, rispettivamente, 359 milioni di euro di sell-out (+2,1% annuo), 326 milioni (+3,5%) e 301 milioni (+1,4%).

Ma nei 12 mesi rilevati a crescere sono stati soprattutto i prodotti “targati” Veneto (+9,1%), Calabria (+8,7%) e Puglia (+8,3%), seguiti da quelli provenienti da Liguria, Basilicata, Marche, Sardegna e Lombardia.

In calo, invece, le vendite dei prodotti alimentari di Emilia-Romagna, Abruzzo, Friuli-Venezia Giulia, Lazio e Campania.

La classifica completa delle regioni in etichetta, con i trend annui dei panieri alimentari regionali, è consultabile nell’undicesima edizione dell’Osservatorio Immagino, che può essere scaricato dal sito osservatorioimmagino.it.

Fonte: Osservatorio Immagino di GS1 Italy