Greiner Packaging avanza nelle tecniche di termoformatura

I test di termoformatura T-IML condotti nei laboratori dell’azienda austriaca, hanno generato vasetti monomateriale decorati in mould, più leggeri e sostenibili rispetto a quelli stampati.

Dalla ricerca di Greiner Packaging arriva una svolta nel campo della termoformatura.

L’azienda austriaca ha messo a punto la tecnica T-IML (In-Mould Labelling in Thermoforming) che permette l’etichettatura di contenitori da 500 ml direttamente nello stampo con risultati estetici molto interessanti e vantaggi evidenti in termini di sostenibilità rispetto al convenzionale stampaggio a iniezione: minor consumo di materiale, pack più leggeri e minori emissioni di CO2 durante il trasporto.

I pack, con diametro da 95 mm, hanno un peso di 11,4 grammi (contro i 15 dei convenzionali) e sono prodotti in polipropilene monomateriale, etichetta compresa, quindi facilmente riciclabili.

La tecnica T-IML prevede che, durante la formatura, l'etichetta venga inserita direttamente nello stampo creando una efficace adesione con il prodotto finito che, in un unico passaggio, esce già decorato.

Un altro vantaggio consiste nella possibilità di aggiungere uno strato barriera che prolunga la shelf life degli alimenti senza compromettere la riciclabilità del packaging a fine vita ed effetti decorativi (opachi, lucidi, ruvidi o soft-touch) con una risoluzione molto vicina a quella fotografica.