Pensieri per un amico

Dominic Ronayne ha tradotto in inglese tutte le nostre parole, dal 1994 a oggi. Malato da tempo, ma non per questo meno attivo, ci ha lasciato ai primi di novembre. Noi non lo scorderemo mai.

Dominic se n’è andato alla “sua maniera”, in silenzio… Solitario, costantemente combattuto tra il desiderio di partecipare alla vita e di restarne ai margini, la sua scomparsa ci ha lasciato sgomenti.

Nell’ultima telefonata, ci ha taciuto la vera gravità del suo stato, in un atto estremo di discrezione: un suo tipico atteggiamento che, negli anni, abbiamo però imparato ad accettare senza per questo sentirci estranei ed esclusi dai suoi pensieri.
 
Dopo gli anni vissuti a Milano, a due passi dalla sede della redazione, i casi della vita l’hanno portato a stabilirsi in un piccolo abitato nei pressi di Narni, in Umbria, da cui ha continuato a lavorare come traduttore. E dove - ne vogliamo essere convinti - ha saputo trovare momenti di serenità nel curare un piccolo orto e nel pagaiare sul fiume, senza mai trascurare l’antica passione di fare musica tradizionale. 

Appassionato conoscitore dell’arte e del design, ha fatto a suo tempo una precisa scelta di campo nel vivere in Italia, dove si è sentito accolto e dove è invecchiato … e qui la sua famiglia ha deciso di farlo riposare, accompagnato dal suono di una cornamusa e dalle parole gentili di quanti hanno condiviso con lui un tratto, più o meno lungo, di cammino.
 
Con sincero affetto

La Redazione