Dalla Ricerca allo Scaffale - Settembre 2022

Vetrina mensile di soluzioni di imballaggio per comunicare, proteggere e distribuire i prodotti di uso comune.

Powered by Best Packaging


Carta d’identità green per il pack

Grafiche Paciotti (azienda di riferimento nel settore del print & packaging) ha realizzato e registrato la prima carta d’identità green per il settore del packaging. Attraverso un QR Code si visualizza la scheda che fornisce tutte le informazioni legate alla sostenibilità del prodotto, generando poi un earthbackID.

Si tratta di un documento digitale univoco, che definisce l’identità del packaging sostenibile e l’impatto ambientale in termini di CO2 come, ad esempio, la tipologia di materie prime impiegate, il volume e il peso, la tipologia di lavorazioni, la presenza di materiali compositi, la produzione derivante da filiera corta e le indicazioni per un corretto smaltimento.

Il progetto rientra nel quadro del programma earthback.eco con il quale Grafiche Paciotti guarda alla sostenibilità, come di recente dimostrato anche dal suo primo bilancio ambientale volontario, che ha offerto un quadro delle molte iniziative in questo senso. Nel 2022, infatti, sono state compensate il 100% delle emissioni dirette, risparmiando 17.000 t di CO2, 134.758 m3 di acqua e oltre 600.000 m2  di suolo.


Packaging flessibile selezionato al meglio

Ceflex - Circular Economy for Flexible Packaging, la piattaforma che riunisce oltre 180 aziende europee, ha  lanciato uno studio su 200 diverse tipologie di packaging flessibile multistrato, per valutarne il comportamento all’interno degli impianti.

L’obiettivo dichiarato è accrescerne la selezione e rendere il processo più efficiente per tutta la catena del valore, aumentando il riciclo post-consumo in ottica di riuso. I dati rilevati puntano a valutare come i sensori NIR (near infrared) possano essere usati per l’efficace selezione ottica di packaging flessibile multistrato, con l’obiettivo di fornire linee guida agli stakeholder del comparto e aggiornare il documento “Designing for a Circular Economy guidelines” pubblicato nel 2020.

Ceflex ha anche promosso di recente la guida “Criteria for Circularity” dove ha sviluppato una pratica check list legata ai criteri EPR (Extended User Responsibility) per ottenere quote di riciclo maggiori e di qualità.


Materiali riciclabili per surgelati

Diverse le soluzioni a base carta, anche stampate, che il produttore finlandese Walki ha messo a punto per rendere il packaging dei surgelati completamente riciclabile nello stream della carta.

L’offerta prevede Walki®EVO Seal e Walki®Opti Seal, destinati soprattutto a pillow pouches: il primo è caratterizzato da una dispersione ad acqua che agisce come barriera contro il vapore acqueo e il grasso ed è riciclabile nella carta senza alcun processo di separazione. Il secondo è composto invece da uno strato ottimizzato di PE estruso, che ne facilita il riciclo insieme alla carta con una resa in fibra accettabile.

In portafoglio anche Lamibel®MDO-PE, monomateriale realizzato con un film MDO stampato solvent-free sul retro e accoppiato con un LDPE basso saldante per ridurre al minimo lo spessore della pellicola e massimizzare le prestazioni.

L’altra novità in gamma è il vassoio Walki®Pack Tray, PET-free al 100%, anch’esso riciclabile nella carta e ideale per cibi pronti surgelati. Facilmente trasportabile, può essere usato nel microonde e nei forni convenzionali fino a 220° per un massimo di 60 minuti.

Scopri maggiori informazioni sulle aziende citate in quest'articolo e pubblicate sulla Buyers' Guide - PackBook by ItaliaImballaggio
Istituto Italiano Imballaggio