Schubert verso un futuro verde e digitale

Sostenibilità, robotica e digitalizzazione sono le grandi sfide che l’industria del packaging è chiamata ad affrontare, priorità a cui Gerhard Schubert risponde con soluzioni d’avanguardia frutto del consolidato know how.

Mission Blue Sustainability Initiative

Il paradigma della sostenibilità è saldamente ancorato alla cultura aziendale del costruttore tedesco che ha definito quattro campi d'azione con la sua Mission Blue Sustainability Initiative: gestione aziendale sostenibile, produzione a impatto zero, macchine ecocompatibili e servizi e imballaggi sostenibili. Tra gli obiettivi perseguiti con Mission Blue quello della neutralità climatica e supportare la clientela con una produzione più sostenibile. Oltre a promuovere attivamente soluzioni di imballaggio a prova di futuro, realizzate con materiali più rispettosi dell'ambiente e risparmiando risorse, punta alla flessibilità e a una tecnologia robotica di ultima generazione, caratteristiche peculiari delle sue macchine e linee di confezionamento. Schubert si propone alla clientela in qualità di partner tanto nella progettazione delle tecnologie più adatte alle singole esigenze, quanto nella scelta dei materiali più ecologici, meticolosamente testati presso il centro Schubert Technikum al fine di accertarne la compatibilità con la macchina.

Robotica e flessibilità in una vassoiatrice

Come la robotica possa consentire la massima flessibilità produttiva risulta evidente nella vassoiatrice a marchio Schubert che confeziona hamburger, sigillati in una confezione trasparente, in vassoi di cartone con coperchi separati. La macchina può confezionare prodotti in tre diverse varianti di confezionamento da 4 a 16 unità. In futuro saranno disponibili ben 14 diversi formati. È possibile creare una varietà di configurazioni di imballaggio combinando in modo flessibile confezioni singole e multiple. I vassoi singoli possono essere incollati uno accanto all'altro o impilati per creare un doppio vassoio. Un controllo specifico assicura inoltre che vengano sigillati solo vassoi completi pieni di prodotti impeccabili. Come ora accade con ogni macchina Schubert, anche i due robot pick & place F4 della traypacker sono dotati di parti stampate in 3D. Lo strumento di prelievo F4 per il trasferimento dei prodotti e gli strumenti di copertura sono dotati ciascuno di parti stampate in 3D, che il cliente può richiamare come lavoro di stampa tramite la piattaforma in streaming PARTBOX e produrre in autonomia utilizzando la nuova stampante PARTBOX di Schubert.

PARTBOX per la stampa 3D

PARTBOX è una stampante 3D super efficiente che consente ai produttori di realizzare componenti direttamente nei propri stabilimenti. Ciò consente di sostituire rapidamente le parti difettose e di produrre internamente nuovi formati per i prodotti modificati. Schubert fornisce anche il materiale di stampa adatto: il filamento PARTBOX Black, di qualità alimentare e con buone proprietà meccaniche e di resistenza alle alte temperature. L'elevata qualità di stampa è assicurata da componenti precisi e dal dosaggio esatto del filamento.