Dalla Ricerca allo Scaffale - Gennaio/Febbraio 2023

Vetrina mensile di soluzioni di imballaggio per comunicare, proteggere e distribuire i prodotti di uso comune.

Powered by Best Packaging


Alla scoperta degli iperprodotti

Un codice a barre del futuro, già presente sulle confezioni, capace di collegare informazioni e contenuti extra, il tutto a portata di smartphone: ecco il potenziale di GS1 Digital Link, che traghetta il barcode nel web, proponendo uno standard univoco globale che collega il prodotto al suo gemello digitale, permettendo di accedere a informazioni aggiornate e complete per il b2b e il b2c. Il sistema GS1 guarda infatti al marketing con informazioni sulla qualità, ingredienti, sostenibilità, e al servizio con fattori nutrizionali, tracciabilità, etichette ambientali, segnalazioni di ritiro.

Pur presentandosi come QR code scansionabile, il GS1 Digital Link non è un simbolo grafico ma un indirizzo web con una struttura standard, che rende possibili collegamenti internet a tutti i tipi di informazioni di prodotto, perché contiene nella sua struttura un codice GS1 di identificazione del prodotto. Superando dunque i limiti “fisici” delle confezioni, GS1 Digital Link apre ai consumatori un mondo di conoscenze su ogni aspetto dei prodotti in vendita, mentre per le aziende l’adozione si traduce in un aumento di efficienza logistica e flessibilità del packaging grazie ad aggiornamenti in tempo reale fruibili da smartphone. 


 

Un codice dà voce al packaging

Kellogg’s migliora l’accessibilità ai propri prodotti e rende più inclusiva l’esperienza di acquisto a favore delle persone con difficoltà di lettura grazie all’integrazione della soluzione NaviLens nei propri packaging di cereali snack.

I consumatori possono infatti scansionare lo speciale codice integrato, usando il proprio smartphone per accedere alle informazioni nutrizionali e di riciclo in formato audio. Il codice NaviLens è realizzato con colori ad alto contrasto per un’individuazione più semplice anche a una distanza di dodici volte superiore a quella dei barcode o QR code tradizionali. L’esatta collocazione del codice sul pacco non è più un problema, perché la tecnologia funziona anche senza un’inquadratura “a fuoco”.

Il lancio sul mercato italiano è avvenuto il 13 dicembre in collaborazione con Carrefour Italia e con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, quando Kellogg’s Italia ha organizzato una giornata di spesa assistita per le persone con difficoltà di vista.

A partire dal primo trimestre 2023, il codice QR NaviLens è integrato nel packaging delle barrette Kellogg’s, proseguendo un progetto, unico nel suo genere nel settore food, che ha coinvolto ad oggi oltre 150 milioni di confezioni di cereali in tutta Europa.


Sempre più veg

Sealed Air è il primo produttore di imballaggi flessibili certificati conformi agli standard vegani, dopo l’adeguamento ai requisiti richiesti da The Vegan Society, marchio che appare ora sulla gamma CRYOVAC® Sealappeal®.

L’azienda ha già ricevuto la Certificazione di Qualità Vegana sostituendo tutti i derivati animali dei propri imballaggi alimentari a marchio CRYOVAC® con grassi non animali e cere di idrocarburi. A questo si aggiunge lo sviluppo di un nuovo logo che supporti i retailer nella comunicazione ai consumatori della doppia conformità veg, che include prodotto e packaging, in accordo con il Regolamento (CE) n. 178/2002, articolo 16.

La gamma Sealappeal® offre infatti soluzioni di film alta barriera per proteine alternative e garantisce la durata di conservazione del prodotto fino a 12 mesi, riducendo al minimo gli sprechi e migliorando la sostenibilità, come nel caso della riciclabilità del materiale mono-PET nei flussi del PET.

Sealed Air sta lavorando per attribuire il marchio Vegan anche a CRYOVAC® Darfresh® per il confezionamento sottovuoto skin.

Scopri maggiori informazioni sulle aziende citate in quest'articolo e pubblicate sulla Buyers' Guide - PackBook by ItaliaImballaggio
Istituto Italiano Imballaggio