Ad Alberto Vacchi, laurea ad honorem dell'Università di Bologna

La cerimonia di Laurea in Ingegneria Gestionale è avvenuta il 20 gennaio nella suggestiva cornice dell’Aula Magna Santa Lucia.

Dopo i saluti del Rettore Giovanni Molari, è stato il professor Federico Munari a pronunciare la Laudatio, mentre le motivazioni che hanno portato all’approvazione della proposta da parte dei relativi Consigli di Dipartimento sono state affidate al Direttore del Dipartimento di Ingegneria industriale – DIN, prof. Alfredo Liverani e al Direttore del Dipartimento di Scienze Aziendali - DISA, prof. Angelo Paletta.

Dopo aver ricevuto la pergamena, Alberto Vacchi ha tenuto una Lectio Magistralis su "I pilastri della gestione del sistema IMA. Una lettura dall’interno". Al Presidente e Amministratore Delegato di IMA, viene riconosciuto il valore di un modello gestionale delle imprese e delle attività istituzionali basato su diversi pilastri che rappresentano temi caratterizzanti del percorso formativo dell’Ingegneria Gestionale, e cioè l'attenzione all’eccellenza manifatturiera e al presidio integrato delle tecnologie industriali e digitali; l'orientamento all’innovazione tecnologica e di business; la capacità di progettare e gestire in chiave evoluta la supply chain e le filiere del valore, in una logica di crescita comune e di sostenibilità; la centralità delle persone nei processi aziendali e nei percorsi di cambiamento tecnologico.

Una parte rilevante di questo modello gestionale, chiosano ancora le motivazioni, poggia sulla volontà e sulla capacità di costruire forme di collaborazione strutturale tra impresa e Università, tra scuola e lavoro.

Ad Alberto Vacchi viene infatti riconosciuta la promozione di numerose e proficue collaborazioni tra l'Università di Bologna e il Gruppo IMA, frutto della condivisione di interessi comuni sui temi della ricerca e dell’innovazione. Interessi perseguiti anche con il finanziamento di assegni di ricerca e di dottorato, la partecipazione a progetti di ricerca e innovazione sia a livello nazionale che europeo e al coinvolgimento di numerosi studenti dell’Alma Mater in attività di tirocinio curriculare e di preparazione di tesi di laurea presso le società del Gruppo IMA.