Il lockdown premia il salutistico: per Valsoia boom di vendite

Molti consumatori nella fase di blocco hanno privilegiato l’alimentazione salutistica.

Lo conferma il primo trimestre di Valsoia, azienda bolognese specializzata nella produzione di alimenti vegetali, principalmente a base di soia e derivati. La società ha registrato ricavi per 17,85 milioni di euro (+14,4% rispetto all’esercizio precedente), un incremento trainato soprattutto dalla crescita del marchio "Valsoia Bontà e Salute" e di tutta la Divisione food, con particolare rilievo per le confetture Santa Rosa.

"Esprimo soddisfazione per essere riusciti in momenti così drammatici a difendere la salute e la sicurezza dei nostri collaboratori garantendo la continuità produttiva e distributiva – ha commentato il presidente Lorenzo Sassoli - Abbiamo così potuto migliorare significativamente le vendite all'estero (+58%) ed accrescere le quote di mercato in Italia".

Nel corso dell’emergenza la Società ha inoltre aderito a Solidalitaly donando prodotti all'interno di 20.000 pacchi alimentari distribuiti gratuitamente alle famiglie più in difficoltà e ha supportato l'Ospedale Sant'Orsola di Bologna per l'acquisto di ecografi funzionali alla diagnostica veloce del COVID 19.